Maria Mazza (showgirl – attrice)         Roma 27.04. 06

                                  Intervista di Gianfranco Gramola  

L'ex fidanzata der pupone Francesco Totti

Maria Mazza è nata negli Stati Uniti, classe 1976, (Weehawken, New Jersey, USA), ma di origini italiane, si definisce una napoletana verace di Somma Vesuviana. A soli 3 anni inizia a suonare il pianoforte e a 6 studia danza classica, passione che non lascerà mai. Dopo essersi trasferita in Italia si diploma al Liceo Classico e si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza. Nel 1996 dopo la partecipazione a Miss Italia ed eletta "Miss Eleganza" nello stesso concorso, inizia a studiare recitazione e l’anno successivo ottiene una piccola parte nel film per la tv, di Carlo Vanzina, Anni 50 . Dal 1998 al 2000 balla a Domenica In e nell’anno 2000-2001 partecipa a vari show e programmi televisivi. Nel 2002 debutta sul grande schermo in Stregati dalla Luna, Un amore perfetto e nel cortometraggio Musa. Ha appena finito di girare il film:” Ti lascio perché ti amo troppo”. “ Questo è il mio terzo film e a cui tengo di più – spiega Maria – perché è interamente girato a Napoli, con un attore napoletano comico che si chiama Alessandro Siani, che è molto bravo ed è  una storia molto bella. E’ una commedia che fa molto ridere, però è anche un film completo perché tocca l’animo. Un film che dà diversi tipi di emozioni, cioè parla di amore, parla di abbandono, parla di una storia finita ma anche della scoperta di un nuovo amore. Per cui è un film che nasce come commedia e che è veramente esilarante e nello stesso tempo è un film che tocca l’anima. Un film completo, secondo me. Vai a vederlo che ne vale la pena, Gianfranco”. e nel cortometraggio Musa. Ha appena finito di girare il film:” Ti lascio perché ti amo troppo”. “Questo è il mio terzo film e a cui tengo di più – spiega Maria – perché è interamente girato a Napoli, con un attore napoletano comico che si chiama Alessandro Siani, che è molto bravo ed è  una storia molto bella. E’ una commedia che fa molto ridere, però è anche un film completo perché tocca l’animo. Un film che dà diversi tipi di emozioni, cioè parla di amore, parla di abbandono, parla di una storia finita ma anche della scoperta di un nuovo amore. Per cui è un film che nasce come commedia e che è veramente esilarante e nello stesso tempo è un film che tocca l’anima. Un film completo, secondo me. Vai a vederlo che ne vale la pena, Gianfranco”. Maria Mazza si è sposata con Ludovico Lieto il 5 settembre del 2005, nella sua Napoli, nel Monastero Santa Chiara.

Intervista

Una curiosità, Maria. Ho letto bene che tu sei nata in America?

Hai letto bene. Sono nata nel New Jersey, perché i miei genitori vivevano lì e si sono conosciuti lì, ma sono tutti e due di Napoli e dopo un po’ che sono nata io e mia sorella hanno deciso di tornare a Napoli, per cui sono cresciuta all’ombra del Vesuvio ed è per questo che mi definisco una napoletana verace.

Che lavoro facevano i tuoi genitori?

Mia madre aveva un ristorante e mio padre faceva il commerciante di abbigliamento.

Com’è il tuo rapporto con Roma, Maria?

Ho un rapporto bellissimo. Mi sono trasferita nella Capitale che avevo  20 anni ed era la prima volta che andavo a vivere da sola, per cui  i miei ricordi vanno alla mia prima casa con le mie amiche, un’esperienza nuova e quindi un incontro con Roma di un periodo molto bello della mia vita, pieno di spensieratezza. Bello, insomma… Ricordo che l’impatto è stato molto positivo perché fortunatamente avevo già degli amici napoletani che s’erano trasferiti a Roma qualche anno prima di me, per cui erano già inseriti nella realtà della Capitale, conoscevano molto bene la città, conoscevano i locali, i ristoranti, ecc… per cui i primi tempi è stato facile, grazie a loro, conoscere Roma e poi l’ho vissuta da me. 

In che zona hai abitato?

Ho sempre abitato in zona Talenti.

Che rapporto hai con la cucina della Capitale?

Il mio rapporto con la cucina è buono, nel senso che amo mangiare di tutto e amo  sperimentare anche cucine estere, quindi non solo italiana e adesso sto imparando a cucinare. Attualmente cucino molto ma molto bene i primi piatti, un po’ meno i secondi però mi sto attrezzando.

Qual è il tuo angolo preferito di Roma, oltre la zona Talenti?

Guarda, Gianfranco, devo dire che Roma è bella tutta e dopo Napoli è la mia seconda città, quindi la amo tutta. Amo molto la zona del circo Massimo, piuttosto che piazza Venezia, perché è una zona piena di luce, con una magia particolare…

Cosa provi nel tornare a Roma dopo una lunga assenza?

E’ come tornare a casa, perché come ti dicevo prima è la mia seconda città, la conosco bene, ho moltissimi amici, ho mia sorella che vive qui, ho il mio lavoro qui e quindi mi trovo benissimo e mi trovo a mio agio.  

Come ti trovi in mezzo ai romani?

Molto bene, perché ho sempre avuto amici romani e vivendo in mezzo a loro già da parecchi anni ormai ho avuto modo di conoscerli ed apprezzarli e mi sento come una di loro.

Vivi la Roma notturna?

Ultimamente molto meno, perché da quando faccio “Piazza Grande” la mattina mi sveglio presto, per cui la sera crollo. Io che ero una nottambula adesso la sera prima di mezzanotte già dormo. Quindi la Roma di notte la sto vivendo veramente poco, appunto per motivi professionali.

Qual'è stata la tua più grande soddisfazione in campo artistico?

Io fortunatamente ho fatto poche cose ma buone. Sicuramente Piazza Grande è la cosa più importante che ho fatto da conduttrice e che è sicuramente l’opportunità più bella che ho avuto, con una squadra ottima e con un Michele Guardì che ha avuto fiducia in me, un Magalli veramente bravissimo. Quindi sicuramente questo programma ce l’ho nel cuore e m’ha dato e mi sta dando enormi soddisfazioni.

Hai qualcuno "artista" in famiglia?

No! In famiglia l’unica sono io.

Ma come è nata la passione per lo spettacolo?

E’ nata quando mi sono iscritta al concorso di Miss Italia, un po’ per gioco, un po' per fare un esperienza diversa e anche un po’ contro voglia e invece proprio da lì è partita questo lavoro o meglio questa grande avventura.

So che stai studiando…

Ai tempi del concorso Miss Italia ero iscritta alla Facoltà di Giurisprudenza. Ancora oggi studio legge e mi mancano pochissimi esami alla Laurea, per cui i miei obiettivi di allora erano completamente diversi.

Qual'è la cosa più cattiva che hanno scritto su di te?

Devo dire che sono fortunata, nel senso che cose cattivissime non ne hanno scritte, cose che possono avermi dato fastidio è ovvio perché ne vengono scritte di tutte le persone e di tutti i personaggi del mondo dello spettacolo. Cose piccanti e cose che possono dare anche un po’ fastidio ne vengono scritte parecchie sui giornali. All’inizio quando scrivevano qualcosa che mi dava fastidio mi rimaneva in testa per alcuni giorni, ora  dopo due secondi non ricordo più niente.

Leggo nelle interviste che ti presentano sempre come “l’ex tottina”. Ti dà fastidio?

Lo trovo inutile, perché è vero che io ho avuto una storia con una persona e che ha avuto il suo percorso ed è chiusa lì e trovo veramente ridicolo rinvangare e marchiare questa storia. La trovo ridicolo perché la strada si è divisa, ognuno fa il suo lavoro bene e non vedo quali siano le coincidenze fra noi due.

Come ti definisci caratterialmente?

Sono intuitiva, passionale e da buona napoletana mi accendo subito. Sono testarda e se mi metto qualcosa in testa, la ottengo, a costo di qualsiasi sacrificio.

Qual è stato il complimento più bello che hai ricevuto?

Tanti complimenti li ho ricevuti dalle donne le quali mi dicono che sono molto bella, ma soprattutto sono naturale, spigliata e che sono una ragazza semplice. Credo che piacere alle donne sia una carta vincente. Piacere agli uomini è naturale, ma quando vieni apprezzata dalle donne è veramente un gran bel complimento, anzi è ancora meglio. Ho ricevuto delle lettere, proprio l’altro giorno qui alla redazione di Piazza Grande e la cosa che mi ha veramente colpita è che dei ragazzini di 15 anni si registrano tutti i giorni le puntate di Piazza Grande, perché a quell’ora sono a scuola.

I miei figli fanno la stessa cosa, cara Maria.

Veramente? La trovo una cosa bellissima. Comunque mi scrivono anche donne di diverse fasce d’età ed è bello vedere la differenza di pubblico che ti segue da casa.

Come vivi il successo?

Devo dire che lo vivo sempre in modo distaccato. Sono una persona con dei valori molto forti che sono quelli della famiglia, dell’amore, dell’amicizia. Per cui per me la mia famiglia, mio padre, mia madre e mia sorella e mio marito vengono prima di tutti. Devo dire che loro sono delle persone veramente radicate ai veri valori e loro mi tengono con i piedi ben piantati per terra. Quindi il successo lo vivo in modo distaccato ma piacevole.

Che rapporto hai con la Fede?

Io sono molto credente infatti mi sono sposata in chiesa, nel monastero Santa Chiara di Napoli. Mi sono avvicinata alla Fede come tutti i bambini, fin da piccola, poi ho fatto le scuole elementari dalle suore, ecc… Non è facile praticarla, nel senso di andare tutte le domeniche a Messa, però appena posso, anche se non è domenica, entro in chiesa e seguo la Messa. 

Hai un sassolino nella scarpa che vorresti toglierti?

No! Ti devo dire la verità, cioè che in questo periodo sono veramente contenta perché il film sta andando benissimo ed è nono nella classifica nazionale,  Piazza Grande mi sta dando grandi soddisfazioni perché ricevo tanti complimenti da tante persone e tutta questa felicità che mi circonda, questa gratificazione professionale mi ha fatto dimenticare in un attimo un sacco di cose che in passato mi hanno dato fastidio.

Hai un sogno nel cassetto?

Non uno ma tanti sogni. Quello di diventare mamma. Anche se sono sposata da poco sento fortemente questo desiderio e poi di continuare la carriera e continuare ad esprimere quello che ho dentro e che ho l’opportunità di fare a Piazza Grande.

Cioè?

Piazza Grande mi dà l’occasione di spaziare dal ballo alla conduzione e nell’improvvisazione, perché  ci sono veramente poche cose scritte, non ci sono copioni per cui è tutto  giocato sulla spontaneità e sull’ironia e spero di avere sempre questa libertà sul lavoro che mi dà modo di esprimermi.

A chi vorresti dire “grazie”?

In questo momento sicuramente a Michele Guardì, perché mi ha scelta per Piazza Grande. Ha  scelto me, perché è  stato il primo nome che gli è venuto in mente per sostituire Mara Carfagna e poi mi ha confermato. Quindi un grazie per la fiducia.