Valentina Pelliccia  (giornalista scrittrice)           Roma 28.2.2021

                     Intervista di Gianfranco Gramola

“Un bravo giornalista deve essere in grado di fare approfondimenti, ricerche complete, interviste e di scrivere articoli relativi a più settori. Sicuramente, però, gli ambiti che preferisco sono quelli che riguardano temi sociali attuali (come, ad esempio, il fenomeno del Cyberbullismo e delle ultime tragiche challenge dei giovani sui social media e altro), fatti di cronaca e politica”

 

Potete seguire le sue attività professionali sulla sua pagina Instagram (valentinapellicciarm) e sulla pagina Facebook a suo nome. Per ulteriori informazioni o collaborazioni potete scrivere all’indirizzo e-mail valentinapellicciamanagement@yahoo.com  

 

Valentina Pelliccia  ha sviluppato competenze professionali complete nell'ambito giuridico- bancario, umanistico e della Comunicazione.

Dopo la laurea in Giurisprudenza ha svolto il praticantato forense presso il prestigioso Studio Legale dell'Avv. Prof. Carmine Punzi.

Con il tempo ha capito che diventare avvocato ed esercitare la libera professione non era la sua vera ambizione, pur avendo avuto in famiglia uno zio a cui era molto legata e che è stato per lei fondamentale fonte di ispirazione, l'ex Magistrato e Presidente del Consiglio di Stato Prof. Alberto de Roberto, il quale le diceva sempre, durante i loro incontri in cui discutevano di Diritto amministrativo, che Valentina "aveva la forma mentis tipica di un avvocato".

Per cui,  attualmente ricopre il ruolo di Consulente Legale ma all'interno della Direzione Generale di una nota banca di Roma (nell'ambito della Direzione Legale e NPL, non performing loans).

Al contempo, negli ultimi anni si è specializzata anche nel campo della Comunicazione.

Ha conseguito Master in “Marketing & Comunicazione” e Media Relations e ha proseguito gli studi con importanti Corsi Post-laurea della SDA Bocconi School of Management (Scuola di Direzione aziendale e cultura manageriale che fa parte dell’Università Bocconi) e 24Ore Business School, nel settore della Comunicazione e Media Relations, Public Affairs, Media & Legal Affairs, Lobbying & Advocacy, Relazioni Istituzionali e Comunicazione Politica.

Ha frequentato le lezioni di "Giornalismo costruttivo" (Constructive Journalism) o "Giornalismo delle soluzioni" (Solutions Journalism) del Professor Dario Biocca, Professore di Storia contemporanea e Storia del Giornalismo presso l'Università di Perugia.

E' Giornalista iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti e Collaboratrice Giornalistica del Quotidiano "IL TEMPO" da diversi anni.

Ricopre, altresì, la carica di Vicepresidente di un’importante Associazione culturale e di sviluppo professionale all’interno di una nota Università di Roma, che ha l’obiettivo di riunire, rappresentare e valorizzare studenti e laureati  attraverso lo sviluppo di iniziative ad hoc, progetti, attività, scambi culturali e professionali.

E' scrittrice. A soli 17 anni si è classificata al primo posto della VII Edizione del Premio di Narrativa Nazionale "Valerio Gentile" con il suo romanzo "Zucchero filato". Il libro è stato giudicato meritevole da una giuria di persone di spicco del mondo culturale e, di conseguenza, è stato pubblicato con Schena Editore.

A distanza di anni dalla pubblicazione, "Zucchero filato" continua a classificarsi ai primi posti di prestigiosi Concorsi di Narrativa Nazionale (ad esempio, sezione “Opere edite” del Concorso di Creatività Letteraria 2012)

Nel 2019, con la poesia Se ti stringo forte la mano, Valentina Pelliccia si è classificata al primo posto del Concorso abbinato all’Antologia di Poesie n. 21.

Ad agosto 2020, con “Zucchero Filato”, è stata premiata nella sezione Narrativa del secondo Concorso Letterario “Tre Colori“ che si è svolto all’interno della XXII edizione del Festival Internazionale cinematografico “Inventa un Film“, ideato e diretto da Ermete Labbadia.

Intervista

Quando scrivere ha fatto “irruzione” nella tua vita? Chi ti ha trasmesso questa passione?

La scrittura è talmente parte di me che non ricordo con precisione quando scrivere abbia fatto "irruzione" nella mia vita. In realtà, forse, c'è sempre stata. Io credo che ognuno nasca con un dono, con un talento e questo è il mio. Ovvio, poi la passione diventa approfondimento, lettura, conoscenza e con il tempo si trasforma soprattutto in consapevolezza ed interiorizzazione di un proprio stile di scrittura. La passione mi è stata indirettamente trasmessa dai tanti libri che ho letto. E poi, al liceo, durante le lezioni sono rimasta profondamente colpita dalla vita e dalle opere di molti autori della letteratura latina, italiana, inglese, francese e tedesca (inizialmente ho fatto studi classici e umanistici durante la Scuola superiore, anche se poi ho deciso di laurearmi in Giurisprudenza). Ho frequentato l'Istituto "Sacro Cuore" di Trinità dei Monti a Roma (che sviluppa una cultura di relazioni ispirata ad una tradizione cristiana, umanistica, liberale e democratica condivisa), un piccolo "tesoro" immerso in un parco enorme che si affaccia direttamente sulla scalinata di Piazza di Spagna, proprio accanto alla “Casa museo” del mio poeta preferito, John Keats (un vero appartamento che, tra il 1820 e il 1821, ospitò il poeta inglese e il suo amico Joseph Severn. E’ proprio lì che il 23 febbraio 1821 John Keats morì, a soli venticinque anni, nella sua stanza affacciata su Trinità dei Monti). E’ stato fonte di ispirazione, oltre che ovviamente molto formativo, assistere alle lezioni di letteratura latina, italiana, inglese e francese in un contesto di tale bellezza che custodisce da secoli meraviglie quali il chiostro, la chiesa, gli affreschi di Daniele da Volterra, due anamorfosi affrescate sui corridoi della clausura, l’astrolabio, il refettorio dipinto dal gesuita Andrea Pozzo, la cappella di Mater Admirabilis e tutta la natura intorno. E durante il liceo ascoltavo, incantata, le lezioni di letteratura latina (in particolare, Cicerone, Catullo, Omero, Seneca, Fedro, Sant’Agostino, Dante Alighieri, Francesco Petrarca, Virgilio, etc), di letteratura italiana (il Dolce Stil Novo, ma soprattutto il romanticismo italiano, Ugo Foscolo, Giacomo Leopardi, poi, Nicolò Machiavelli, Giovanni Pascoli, Gabriele D’Annunzio, Luigi Pirandello, Italo Svevo, Umberto Saba, Giuseppe Ungaretti, Salvatore Quasimodo, Eugenio Montale. Per quanto riguarda la generazione degli anni trenta, ho amato e amo Alda Merini). Ascoltavo, incantata, anche le lezioni di letteratura francese (in lingua francese, grazie ad una Professoressa, Barbara Bottari, che mi ha trasmesso l’amore per la cultura): e così, ero sempre più curiosa della vita, dello stile, delle opere di autori come Molière, favole, racconti e riflessioni di La Fontaine, Perrault, La Rochefoucauld, Voltaire, Montesquieu, Hugo, Balzac, Stendhal, ma soprattutto i “Poeti maledetti”, Baudelaire e poi, Jacques Prévert, Marcel Proust, Jean-Paul Sartre, Antoine de Saint- Exupéry. Ho amato e amo la letteratura inglese, come già scritto sopra, Keats, Byron, Shelley, William Shakespeare, John Milton, Laurence Sterne, Jane Austen, le sorelle Brontë, Virginia Woolf, Kipling, Hemingway e soprattutto James Joyce. Amo molto anche Goethe. "I dolori del giovane Werther" è il mio romanzo preferito. Insomma, questi studi non hanno fatto altro che alimentare e poi far esplodere in me l’amore per la lettura e la scrittura.

Hai affermato in una precedente intervista che la scrittura ti ha salvato la vita. Cosa intendevi?

Ho sofferto molto nella mia vita per una serie di episodi, lutti in famiglia (è venuto a mancare molto presto mio padre, il Professor Andrea Pelliccia, noto medico neurologo, importante punto di riferimento per l'epilessia in tutto il mondo e non solo in Italia e stimato Professore universitario) e poi storie d'amore finite male, incontri con persone prive della mia stessa ricchezza interiore in termini di valore, etc. Ho sempre scritto, ho sempre sentito il bisogno di esprimere il mio dolore tramite prosa. La scrittura forse ha una funzione quasi "terapeutica" perché fa emergere tutto ciò che è nel tuo inconscio. E' un grande atto di coraggio ma è fondamentale, credo, per elaborare e superare ciò che ci ha fatto soffrire. Poi, se il dolore è stato forte e rimane lì, fermo, nella tua testa e non lo trasformi invece in risorsa, vuol dire che non è servito a niente. Ed è un peccato perché dai "moti dell'animo più struggenti" sono nate le più belle opere d'arte (per arte intendo tutte le forme d'arte, compresa ovviamente la scrittura).

Hai mai pensato ad un nome d’arte?

Mai. Ci metto il nome, ci metto la faccia.

Com’è nata l’idea del tuo libro “Zucchero filato” e di cosa parla?

Nel 2004, a soli diciassette anni, proprio durante l’ultimo anno di liceo, “fresca di studi”, ho iniziato a scrivere il mio primo romanzo, “Zucchero filato” (non autobiografico), con il quale ho partecipato alla VII Edizione del Premio Nazionale di Narrativa “Valerio Gentile” (con una giuria composta da persone importanti del mondo della cultura, professori universitari, scrittori, giornalisti). Il libro si è classificato al primo posto ed è stato, per tale motivo, pubblicato dalla Casa editrice Schena. In seguito, è stato distribuito dalle maggiori Case editrici, Mondadori, Feltrinelli, etc. Sono venuta a conoscenza del Premio Nazionale di Narrativa per caso, tramite web. Anzitutto, mi sono informata su chi fosse Valerio Gentile, perché il Premio era ed è intitolato alla sua memoria. E mi è venuto da piangere. Sono scoppiata in lacrime. Valerio Gentile era un ragazzo, un poeta, appassionato di studi umanistici, che fu trovato morto il 14 marzo del 1993, a diciassette anni (avevo anche io diciassette anni e questo fatto mi colpì molto), a Fasano, nei boschi in zona ‘Monacelle’ con il cranio sfondato a pietrate, a faccia in giù. Dalle indagini ho appreso che si è trattato di un delitto a sfondo sessuale. Purtroppo il caso è rimasto senza colpevoli. Il padre (Nicola) e la madre hanno deciso di fondare il Centro Studi, l’Associazione Culturale e questo importante Premio Nazionale di Narrativa. La vicenda mi scosse molto e, a tal proposito, ti svelo una confidenza: con questo libro io ho voluto principalmente, nel mio piccolo, cercare di dare indirettamente un messaggio di speranza anche ai genitori del ragazzo, pur non conoscendoli. Una famiglia è a pezzi, distrutta, presumo, dopo un lutto del genere. Loro sono riusciti a mettere da parte questo dolore atroce (per quanto si possa mettere da parte, data la gravità del fatto) e a creare un grande progetto dal punto di vista umano e culturale, in memoria del figlio. Inoltre, hanno creduto nel talento dei giovani e lo hanno portato avanti dando loro l’opportunità di essere letti, giudicati e premiati da una giuria di persone di alto livello culturale. E poi, Valerio Gentile amava scrivere: i genitori, con questa iniziativa, hanno portato avanti il valore e il sogno del figlio. “Zucchero filato” nasce così. Vuole essere un piccolo raggio di luce anche quando si è immersi nel buio più totale. Vuole essere anche il simbolo della purezza (da qui il titolo, fanciullesco, “Zucchero filato”) in una società, questa, spesso piuttosto marcia e priva di valori. Il mio libro tratta principalmente il tema della violenza psicologica e sessuale per questo motivo: si parte da una condizione rosea vista dagli occhi di un’adolescente (Colette, la protagonista) per avvicinarsi sempre più al dramma vero e proprio, la violenza. Dopo quest’ultima, Colette riuscirà, pian piano, a ritrovare la forza in se stessa. E’ proprio questa alternanza “condizione rosea e violenza sessuale” che, nel complesso, sottolinea e rende più forte il messaggio di speranza finale. Come ha affermato il Professor Pietro Magno: “ La struttura di "Zucchero filato", infatti, ricorda le cadenze tipiche della tragedia classica. Come modello narrativo questo romanzo di Valentina Pelliccia ricorda il quarto libro dell’Eneide di Virgilio, in cui l’evolversi dello sfortunato e, soprattutto, impossibile amore di Didone verso Enea è presentato secondo le cadenze tipiche del dramma”. E poi, ha aggiunto il Professor Magno : “Sono i motivi per cui questo romanzo riesce a pervenire al simplex et unum oraziano (Ars poet,23), condizione ancora valida per stabilire quanto un’opera risponda a canoni di compattezza”. A distanza di molti anni il mio romanzo, "Zucchero filato", continua ancora a vincere prestigiosi Premi di Narrativa Nazionale, come ad esempio, ad agosto 2020  il Concorso "Tre Colori". ideato da Ermete Labbadia.  

La copertina del libro di Valentina Pelliccia

Per te è stato più facile iniziare il romanzo o trovare il finale?

Per me è stato più difficile iniziare il romanzo. In genere è sempre così. Poi, una volta che inizi e hai idee chiare in testa, la scrittura prosegue senza grandi difficoltà (almeno per me). Di conseguenza, è facile avere in mente il finale.

So che è in cantiere il tuo prossimo libro. Di cosa parlerà?

Ringrazio per l'attenzione ma purtroppo per il momento non posso svelare molto. Si tratta di un libro per me fondamentale. Parte dal concetto di "liberazione dal velo di Maya", espressione coniata dal filosofo Arthur Schopenhauer  ne “Il mondo come volontà e rappresentazione”, per indicare l’illusorietà della realtà in cui viviamo. E ovviamente dietro ci sarà un grande studio basato sulla concezione e sulla mia interpretazione di molti aspetti e "lati scomodi" della società odierna. Tra cui l'ipocrisia.

Una storia vera aiuta a “catturare” nuovi lettori?

No. O meglio, dipende da chi sei. Se sei una persona nota o che ha vissuto una precisa situazione, allora, la storia vera "cattura" nuovi lettori. Ma, per quanto riguarda le persone comuni, non è importante riportare una storia vera (il mio romanzo, "Zucchero filato", non è assolutamente autobiografico, eppure, come evidenziato prima, riscuote ancora molto successo a distanza di anni). E' più importante che la storia sia valida sotto tutti i punti di vista, ovvero, sostanza, contenuto, forma stilistica e tecnica.

Giornalista, Scrittrice, Consulente Legale. Come riesci a conciliare tutte questa attività?

Se ti organizzi riesci a fare tutto e a svolgere bene tutte le attività. Dipende dalla forza di volontà, dalla passione, dalla grinta, dalla capacità di gestire il tuo tempo e le tue priorità. Ovviamente anche dalla tua bravura e abilità. Ho alle spalle una formazione universitaria e di specializzazione giuridica. Strada facendo ho capito che diventare avvocato ed esercitare la libera professione non era la mia vera ambizione, pur avendo avuto in famiglia uno zio a cui sono stata molto legata, l’ex Magistrato e Presidente del Consiglio di Stato Professor Alberto de Roberto, il quale mi diceva sempre, durante i nostri incontri a casa sua in cui discutevamo di Diritto amministrativo, che “avevo la forma mentis tipica di un avvocato”. Per cui, il mio lavoro attualmente è sì nell'ambito della Consulenza legale ma all'interno della Direzione Generale di una banca. E il lavoro è la mia priorità, come è giusto che sia. Negli ultimi anni ho scoperto, oltre all'amore per la normativa, anche l'amore per la Comunicazione, in particolare per il giornalismo. Pertanto, ho conseguito un Master in Marketing & Comunicazione e Media Relations e ho proseguito gli studi con importanti Corsi Post- laurea (con esame finale) della SDA Bocconi School of Management ( Scuola di Direzione aziendale e cultura manageriale che fa parte dell'Università Bocconi) e 24Ore Business School, sempre nel settore della Comunicazione e Media Relations, poi, Public Affairs, Media & Legal Affairs, Lobbying & Advocacy, Relazioni Istituzionali e Comunicazione Politica. Ho frequentato le lezioni di "Giornalismo costruttivo" (Constructive Journalism) o "Giornalismo delle soluzioni" (Solutions Journalism) del Professor Dario Biocca, Professore di Storia contemporanea e Storia del Giornalismo presso l'Università di Perugia. Ne sono rimasta affascinata. Ho iniziato a scrivere articoli di giornale e a proporli a diverse redazioni, da sola, senza conoscere nessuno e senza alcuna indicazione. I miei articoli sono subito piaciuti e il direttore di un importante quotidiano ha deciso di iniziare l'attività di collaborazione. Dopo qualche anno di esercizio e pratica ho sostenuto l'esame e mi sono iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti. Sono Collaboratrice Giornalistica del quotidiano "IL TEMPO" da parecchi anni. Al di fuori dell'orario di lavoro, la sera e soprattutto durante i week end scrivo gli articoli. Per quanto riguarda la scrittura, devo ancora iniziare a scrivere il nuovo romanzo. In merito alla poesia, ogni tanto partecipo (e vinco) anche Concorsi di poesia. Tra l'altro, oltre a queste attività, ricopro anche la carica di Vicepresidente di ASUM, ovvero, l’Associazione Studenti/Laureati della Università degli Studi “Guglielmo Marconi”, la prima Università “aperta” (Open University), riconosciuta dal MIUR con D.M. 1 marzo 2004, che unisce metodologie di formazione on-line con attività “in presenza” attraverso lezioni, seminari, laboratori, sessioni tematiche di approfondimento al fine di raggiungere i migliori risultati di apprendimento. Si tratta di un’associazione senza fini di lucro che persegue esclusivamente finalità di carattere culturale e di sviluppo professionale tendendo al rispetto della dignità e dello status di studente e/o laureato dell’Università degli Studi “Guglielmo Marconi”. L’ASUM ha l’obiettivo di riunire, rappresentare e valorizzare studenti e laureati dell’Università attraverso lo sviluppo di iniziative ad hoc, progetti, attività, scambi culturali e professionali. L’Associazione promuove l’organizzazione di eventi, seminari, iniziative culturali, anche di interesse professionale, scientifico, artistico o ricreativo, al fine di favorire un networking tra persone, competenze e professionalità. Inoltre, cura e sviluppa rapporti di collaborazione con enti pubblici o privati, a livello nazionale e internazionale per promuovere la crescita culturale e professionale dei soci. La finalità principale è fornire ai propri associati e ai giovani laureati dell’ateneo strumenti utili per l’orientamento, l’aggiornamento e lo sviluppo professionale. Ma inevitabilmente tutto ciò a cui mi dedico con impegno e professionalità comporta una riduzione drastica se non totale della vita sociale. A qualcosa bisogna pure rinunciare se hai impegni professionali, progetti, traguardi da raggiungere e ambizioni.  

Sei Giornalista del quotidiano "IL TEMPO". Di quale settore ti occupi?

Non ho settori specifici. Un bravo giornalista deve essere in grado di fare approfondimenti, ricerche complete, interviste e di scrivere articoli relativi a più settori. Sicuramente, però, gli ambiti che preferisco sono quelli che riguardano temi sociali attuali (come, ad esempio, il fenomeno del Cyberbullismo e delle ultime tragiche challenge dei giovani sui social media e altro), fatti di cronaca e politica. Amo intervistare persone importanti da un punto di vista culturale, sociale, politico. Ho intervistato politici che ricoprono o hanno ricoperto cariche molto rilevanti. Personalmente, attraverso i miei articoli e interviste, cerco di raccogliere più informazioni rilevanti, utili e provo a portare il lettore a riflettere. Il giornalismo è per me un mezzo attraverso il quale posso manifestare la mia curiosità intellettuale e fornire, al contempo, notizie alle persone. E poi, è un mestiere dinamico sotto tutti gli aspetti e settori.

Quali sono i tuoi giornalisti di riferimento? 

Oriana Fallaci. Mi hanno colpito le parole con cui un giornalista l'ha descritta in un articolo che ho letto :"Una donna che, in un mondo molto diverso da quello di oggi, ha scelto di essere pienamente se stessa. Di dedicare se stessa alle guerre degli altri, di non piegarsi ad alcun credo senza prima averlo posto sotto una lente d’ingrandimento. Di essere, prima ancora che una giornalista e una scrittrice (o, come si sarebbe definita lei, una scrittrice prestata al giornalismo), una donna. Semplicemente una Donna, qualunque cosa questo debba significare".

Come Giornalista e Scrittrice, oltre al talento e la passione, conta la fortuna?

Certamente. Ma io credo nella concezione di "fortuna" e nel concetto relativo al rapporto tra "virtù e fortuna" di  Niccolò Machiavelli. Infatti, egli paragona la fortuna ad un fiume in piena che quando straripa travolge tutto ciò che incontra. Dunque, l'uomo può solo ridurne l'effetto devastante costruendo degli argini, delle dighe. Da questa metafora si evince che la fortuna è arbitra solo della metà delle azioni dell'uomo e che l'altra metà è nelle mani di quest'ultimo. Inoltre, secondo Machiavelli la virtù non può ottenere nulla senza la fortuna e viceversa. Un uomo fortunato se non è anche virtuoso (virtù intesa come insieme di qualità) non potrà mai far fruttare tutto ciò che la sorte gli ha donato. Al contrario, un uomo virtuoso non sarà mai in grado di avere la possibilità di utilizzare le proprie virtù senza che la fortuna ne fornisca occasione. Secondo il mio punto di vista, bisogna avere virtù, talento, non smettere mai di studiare e apprendere, documentarsi, esercitarsi. Ma occorre anche la fortuna.

Hai un sogno professionale che vorresti realizzare?

Vorrei essere in grado di pubblicare il romanzo della mia vita ed esprimere totalmente me stessa.

Entriamo più in "confidenza". Oltre alla scrittura curi degli hobby, delle passioni?

Certo, al di là delle tante attività e passioni culturali (libri, cinema, teatro, musei, partecipare a convegni), amo viaggiare (ho viaggiato molto), scoprire posti nuovi, passare serene serate con le mie amiche e i miei amici, scoprire nuovi ristoranti, fare sport, lunghe passeggiate nella natura, fare shopping, prendermi cura di me stessa. Tutto ciò quando ho tempo libero ovviamente. Infatti, come ho affermato precedentemente, il tempo libero è poco, per via dei miei impegni e delle mie attività professionali. Spero di riprendere presto a coltivare anche le mie passioni, una volta superata la situazione grave come quella che stiamo vivendo ora a seguito della pandemia Covid-19 (perché vorrà dire che il problema del Coronavirus sarà stato risolto, almeno così mi auguro). Poi, amo gli animali. Ho un piccolo barboncino di appena 10 mesi e quindi ora gran parte del mio tempo libero lo dedico a lui.

Sei romana. Com’è il tuo rapporto con Roma?

Un rapporto di amore e odio. Amore, per la sua bellezza e i ricordi positivi  legati a certi luoghi. Odio, perché a volte sento il bisogno di andare via e cambiare città per voltare pagina, lasciarmi il passato alle spalle e ricominciare tutto dall'inizio. Il problema è che poi penso che, tanto, ovunque andrò, ciò che ho vissuto rimarrà sempre in me. Non si scappa da ciò che hai dentro. "Troverà sempre il modo di raggiungerti", citando indirettamente Freud. L'inconscio o i brutti ricordi del passato prima o poi vengono a galla. Dunque, ho un rapporto ambivalente con la mia città.

La tua Roma in tre posti diversi?

Come ho già scritto nella prima risposta che ho fornito, sicuramente la "Casa museo” del mio poeta preferito, John Keats, accanto alla scalinata di Piazza di Spagna. In generale, il centro storico di Roma, dove sto sempre. E poi, sono molto legata alla Basilica dei Santi Ambrogio e Carlo al Corso e vado lì a pregare. Sono legata affettivamente anche alla Chiesa della Santissima Trinità dei Monti, perché, come già affermato in precedenza, ho frequentato il "Sacro Cuore". Poi, dal punto di vista culturale in generale, non posso non citare il Colosseo, Foro Romano, Colle Palatino, Piazza Venezia, dove è possibile ammirare il Monumento a Vittorio Emanuele II, detto anche “Altare della Patria” o “Vittoriano”, un enorme edificio in marmo bianco dedicato al primo re d’Italia. Poi, Piazza del Campidoglio, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il  Vaticano, le Catacombe e i musei. I luoghi importanti di Roma sono tanti.

L’ambiente che ti circonda può essere fonte di ispirazione per i tuoi scritti e per le tue  poesie?

Assolutamente sì. Io osservo le persone intorno a me, ascolto i loro discorsi, osservo i luoghi, i dettagli, l'ambiente intorno a me. Ogni cosa è fonte di ispirazione. Lo scrittore deve, prima di tutto, avere un grande spirito di osservazione e deve essere in grado di avere una spiccata curiosità intellettuale. Oltre ovviamente ad altre qualità importanti.

Il tuo primo libro in quale città è ambientato? E il secondo?

Roma. Il secondo lo devo ancora scrivere ma penso sempre  a Roma. Non è importante il luogo, non è importante il contesto: potrebbe essere ambientato in un'altra città. Ciò che conta è altro. Ad esempio, il messaggio contenuto nell'opera letteraria.