Eva Grimaldi  (attrice)     Verona 30.4.2000

                          Intervista di Gianfranco Gramola  

L'amica dei gay, dallo sguardo peccaminoso

Il suo sito ufficiale è www.evagrimaldi.it  

Eva Grimaldi, all’anagrafe Mila Perinoni, è nata a Nogarole Rocca (Verona), il 7 settembre 1961 ( vergine ), da papà Bruno e mamma Elvira. Ha tre fratelli. Già cover-girl della rivista italiana Playman nell’Aprile 1985 e nel Febbraio 1986, debutta in televisione facendo la guardarobiera a "Drive In", programma che lascia dopo 13 puntate per interpretare un ruolo ne "L'intervista" di Federico Fellini. Subito dopo si dedica al teatro, interpretando al Salone Margherita "Buona notte Bettino" con la regia di Pier Francesco Pingitore. Arriva al cinema nel 1995, ottenendo un grande successo in Francia con "Les anges gardiens" con Gerard Depardieu; nello stesso anno viene scelta come testimonial della campagna pubblicitaria di Calvin Klein. Al ritorno in Italia inizia la sua carriera come attrice di fiction televisive per le reti Mediaset, interpretando "Ladri si nasce" di Pingitore e "La villa dei misteri". Lo stesso anno torna in teatro con "Uomini targati Eva", scritto per lei da Pino Amendola e Nicola Pistoia.  La carriera di attrice televisiva continua: gira nel 1999 "Un bacio nel buio", poi partecipa alla prima serie de "Il bello delle donne", ottenendo un grande successo, tanto da comparire anche nella seconda serie.  Nel 1997 si lega all'attore Gabriel Garko, suo compagno anche sul set de "Il bello delle donne", per poi rompere il fidanzamente alla vigilia delle nozze, nel 2002. L'anno dopo è protagonista di un calendario mozzafiato, vedere per credere!   Nella stagione 2004/2005 , Eva Grimaldi recita al Teatro Ricciardi di Capua, insieme a Antonio Giuliani, in "Che Fine Ha Fatto Cenerentola?" e "Bravi a letto".

Televisione

1986 “Drive In” - 1987 “Per chi suona la campanella - 1987 “Cinema cinema”,1989 “Classe di ferro” - 1989 “I vigili” - 1990 “Donna d’onore” - 1993 “Donna d’onore 2” - 1994 “Arsenio Lupin e il Dott. Freud 2” - 1995 “La signora della città  - 1996 “La Villa dei misteri” - 1996 “Ladri di nasce 2” - 1997 “Ladri si diventa 2” - 1998 “Trestelle” - 1998 “Un bacio nel buio” - 1999 “Villa Ada”.

Cinema

1986 “L’intervista” - 1986 “Ferragosto o.k.” - 1986 “La religieuse” - 1987 “Phatos” - 1987 “Black cobra” - 1987 “Quella villa in fondo al parco” - 1987 “Rimini Rimini, un anno dopo” - 1987 “D'Annunzio” - 1987 “Delitti e profumi”  - 1988 “Paganini” - 1988 “Mia moglie è una bestia” - 1988 “Forever” - 1989 “Giorni tranquilli a Clichy” - 1989 “La maschera del demonio” - 1989 “Miliardi” - 1990 “Tolgo il disturbo” - 1990 “Les dames galantes” - 1990 "Les enfantes d’abord" - 1991 "L’angelo con la pistola” - 1991 “Abbronzatissimi ” - 1993 “Cari fottutissimi amici” - 1993 “Les anges gardien” - 1987 " Simpatici e antipatici” - 1998 “Paparazzi” -

Teatro

“Buonanotte Bettino” (protagonista), 100 repliche al Salone Margherita di Roma. “Uomini targati Eva”, (protagonista),  Teatro Parioli marzo 1997. “Invece che all’una alle due” (protagonista) regia di Roberta Torre. Che Fine Ha Fatto Cenerentola?" e "Bravi a letto”.

Ha detto:

- Al provino per la Fininvest eravamo 240. Ci misi una grinta pazzesca. Mi presentai con un abito leopardato e me le mangiai tutte. Solo io e Sabrina Salerno fummo prese. Io andai al Drive In e Sabrina a Grand Hotel.

- Ero la più bella e allegra benzinaia di Nogarole Rocca, il paesino in provincia di Verona dove sono nata. Non mi sono mai vergognata di quel lavoro. Bisognava sbarcare il lunario, specie dopo la morte di mio padre.

- L’unico rimprovero che Gabriel mi fa è quello di essere troppo lenta nel truccarmi e di stare troppo tempo davanti allo specchio, in bagno. Eppure abbiamo ben quattro bagni. Qualche volta facciamo delle litigate furiose, ma poi ci passa.

- Vengo da una famiglia povera, dove i giocattoli, da piccola, me li dava l’Opera San Vincenzo, quella che aiuta le famiglie bisognose.

- La sera dicevo il rosario pregando il buon Dio di farmi diventare attrice, mentre nell’altra stanza anche mia madre diceva il rosario, pregando però che non lo diventassi mai.

Curiosità

- Ha fatto varie campagne pubblicitarie. Tra queste spiccano quella per la Calvin Klein, per Soviet Jeans, Sanagens, collant, testimonial Casa di Moda “Jittrois”, Promozione Cinema, ideato dall’On. Veltroni e diretto da G. Tornatore e  Sanagens  Calendario 1998.

- Nella sua casa in stile liberty, ogni stanza ha un suo colore:verde la biblioteca, rosa la stanza degli ospiti, bordeaux e ocra la camera da letto. Il soffitto del salotto è tutto stellato e ovunque ci sono quadri che raffigurano rose.

- Dopo una lunga intensa e tormentata storia d’amore con Gabriel Garko, si è sposata con l’imprenditore veneto Fabrizio Ambrosio.

- Ha frequentato la palestra facendo pugilato. “ Uno sport – dice l’attrice veneta – che mi ha sempre aiutata a scaricare le mie tensioni e a tenermi in forma”.

Intervista

E' a casa di sua mamma Elvira, a Verona, con Gabriel Garko.

Quando ti sei trasferita a Roma, Eva e come ricordi l’impatto?

Mi sono stabilita a Roma nel ’86, perché prima ho conosciuto Milano, facendo “Drive In” il programma televisivo per i giovani e poi, appunto nel ’86, cioè alla fine del contratto, mi sono stabilita a Roma. L’impatto con questa città è stato un trauma piacevole, perché venendo da una città di provincia come Verona e trovarmi in una metropoli come Roma, così immensa, mi sembravo un pesciolino fuori d’acqua, un pesciolino piccolo piccolo e indifeso. Però mi sono sentita subito molto amata da Roma e dai romani.  

Attualmente com’è il tuo rapporto con la Capitale?

Bello! Per me Roma è la città più bella del mondo, perché c’è architettura, c’è storia e che storia, c’è tutto, insomma. E’ bellissima e poi ha un clima stupendo e tutte queste piazzette dove l’estate puoi mangiare all’aperto. E’ meravigliosa, non c’è che dire.

C’è un angolo di Roma a cui sei legata?

Si! A piazza Navona, anche perché lì vicino ci abito e poi questa piazza mi ricorda le bellissime chiacchierate con Piero Tosi, grande costumista, poi con Bolognini e altri personaggi che hanno a che fare con il cinema e la Tv. Ho dei bellissimi ricordi che hanno come sfondo questa stupenda piazza, che è un gioiello di Roma e che ha un’atmosfera particolare.  

Cosa provi nel tornare a Roma dopo un’assenza?

Mi si riempie il cuore di gioia, perché mi è mancata molto.

Come ti trovi in mezzo ai romani?

Molto bene. Hanno pregi e difetti come tutti gli italiani. Il difetto è che sono un po’ troppo esuberanti e a volte un po’ volgari.  I pregi è che sono favolosi, gente di compagnia e, checchè se ne dicano, lavoratori.

Come vivi la Roma by night?

Davanti ad un bellissimo libro, in dolce compagnia del mio amore (Gabriel Garko, ndr.). Non frequento la Roma by night e non sono affatto mondana. Vado  delle volte a qualche incontro, un paio di volte all’anno, ma la sera preferisco starmene a casa,

Nei momenti liberi cosa ami fare, Eva?

Andare in palestra. Sai Gianfranco, faccio pugilato in un Circolo Sportivo. Oppure chiamo il mio maestro, Renato Mura e cominciamo ad allenarci e a fare due colpi di pugilato.  

Progetti di lavoro?

A fine maggio esce il film su Rete 4 "Un bacio nel buio". E’ un film tratto da un romanzo di Silvana Giacobini, con Tony Musante, Patricia Millardet, Massimo Ranieri e Florinda Bolkan. Inoltre da poco ho finito un film da protagonista, dove recito con Virna Lisi, Ricky Memphis, Gabriel Garko e Caterina Verteva. Uscirà in ottobre.