Ramona Badescu  (attrice-soubrette)       Roma  9. 4. 2001

                                        Intervista di Gianfranco Gramola  

Un angelo dalla bellezza tentatrice

Il suo sogno è fare cinema, ma sa anche suonare la chitarra e il piano, sa cantare (a 4 anni cantava in Tv), sa ballare e recitare. E’ bella, non c’è che dire, per niente nel 1992 è stata eletta Miss Romania. La bella romena è nata a Craiova il 29 novembre 1968, sotto il segno del Sagittario. Laureata in Scienze Economiche, ha esordito nella nostra Tv partecipando al Maurizio Costanzo Show. In Romania ha lasciato il papà Cristel, ingegnere, la mamma Lina, architetto e il fratello Calin che è medico.

Curriculum

Teatro: La presidentessa (con E:Bruschi) e Giochi d’Angelo.

Cinema: Parenti serpenti – Teste rasate – Le nuove comiche – L’isola del cavallo d’oro – La regina degli uomini pesce – Chiavi in mano – Bibo per sempre.

Televisione: Fantagame – Tutti a casa – Gran Casinò – Piovra 8 – I misteri di cascina Vinello – Incantesimo – Medico in famiglia -  Una donna per amico – Incantesimo 2 – La squadra 2 .  

Ha detto:

- Io vivo e mi nutro d'amore. Sono insaziabile. Vivo giorno per giorno, senza dare nulla per scontato, come se fosse sempre l'ultimo.

- Io porto scarpe aperte in qualsiasi stagione. Per fortuna che in Italia non fa freddo come in Romania. Mia madre la prima volta che è venuta qui e che mi ha visto con i sandali in pieno inverno, si è fatta il segno della croce.

- In Italia ho imparato ad apprezzare il basilico. Da noi si usa per benedire ed è considerato una pianta sacra. I fa un certo effetto vederlo sugli spaghetti.

- Ho avuto molte delusioni. Ho pianto molto e ho sofferto. Questo incide nella vita. Non amo i rapporti superficiali e quando decido di darmi, lo faccio fino in fondo. Mi piace essere sconvolta e odio la routine.

Curiosità

- Percepisce una pensione di circa 150.000 "Lei" al mese (Lei, è la moneta del suo paese), che corrispondono alle nostre 13.000 lire.

- Sa leggere la mano, interpretare i fondi del caffè, fare le carte e soprattutto conosce bene la “podomanzia”, cioè l’arte del predire il futuro leggendo i segni che si trovano sulla pianta del piede. “ E’ vero – dice la Badescu – ricordo che una delle prime volte che fui ospite al Maurizio Costanzo Show lessi il piede a Giorgio Albertazzi ”.

Intervista

Lei è rumena, però romana d’adozione, vero?

Esatto, sono romena e romana d’adozione.

Com’è il suo rapporto con Roma?

Roma è una città meravigliosa. Quand’ero piccola sognavo sempre di poter visitare Roma, cosa che non avrei potuto fare qui in Romania, quando c’era la dittatura, perché non potevamo uscire nei Paesi capitalisti. Roma è una città bellissima solo che è poco “lavorativa”. Forse è perché essendo così bella uno si perde a vedere i monumenti, a prendere il caffè o a godersi il tempo così bello e mite e poi arriva tardi agli appuntamenti .

Quando si è stabilita a Roma e come ricorda l’impatto?

A Roma mi sono stabilita 6 anni fa (1995) ma c’ero venuta anche prima di stabilirmi. La prima volta ero in tournee estiva, con un gruppo della Romania e ricordo che il mio sogno era quello di stare un giorno a Roma, cosa che poi si è avverata.

In che zona ha abitato a Roma?

A Roma ho abitato con mio marito, in via Gregorio VII, vicino al Vaticano.

E il suo rapporto con la cucina romana?

Non me ne parli, io sono golosissima e poi alla fine finisco sempre a mangiare il filetto, il pesce o l’insalata, anche per tenere la linea. Ma l’amatriciana qualche volta, per premio, me la faccio.

C’è un angolino di Roma a cui lei si è affezionata?

Si! Trastevere. Perché mi sembra un paesino nel paese. Ci sono tanti angolini a Trastevere veramente bellissimi nei quali ti senti come a Capri, isolato, senza il traffico caotico, senza la velocità delle cose. In Trastevere il tempo un po’ si perde, si ferma.

Cosa pensi dei romani?

I romani sono solari, sono caotici, sono casinari e il difetto è che sono un po’ ritardatari.

Se lei avesse la bacchetta magica che cosa farebbe per Roma?

Farei tanti parcheggi. I problemi di Roma sono il traffico e i parcheggi. Non ci sono posti per parcheggiare e allora per forza si parcheggia in seconda fila, poi arriva il vigile e zac, multa. A Roma i vigili sono intransigenti. Farei parcheggi anche sotterranei, anche se c’è da dire che a Roma non è facile, perché vai a scavare e sotto terra trovi dei musei di cose antiche e allora si bloccano i lavori.  Magari dei parcheggi con delle grandi vetrate così quando parcheggi la macchina ti godi anche il panorama sotterraneo.

Come vive la Roma by night?

Non la vivo, dormo. Non sono una nottambula, perché faccio un mestiere nel quale le apparizioni diventano un lavoro, non diventano più un piacere, allora preferisco riposare di più, così mantengo anche la pelle più bella, il viso fresco, siccome devo lavorare con le telecamere e col tempo la vita notturna lascia i segni.

Nei momenti liberi in quale zona di Roma ama passeggiare?

Purtroppo non ho più tempo per queste cose, dico purtroppo. Sono una persona a cui piace impegnare e sfruttare al massimo il tempo libero e alla fine non ho più nemmeno quello,  perché scappo da una parte all’altra, dalla palestra alla dizione all’inglese e ora sto facendo anche teatro “Giochi d’Angelo”, al teatro delle Muse, tutte le sere sono molto impegnata fino ad aprile. Ormai mi sono affezionata a quelle zone dove sta il teatro che prima nemmeno conoscevo. Quanto al tempo libero per me non è più libero, non esiste, troppi impegni.

Qual è stata la sua più grande soddisfazione in campo artistico?

Potermi inserire nel panorama artistico italiano, visto che vengo da un Paese dove ero famosissima e  visto che qui ho dovuto fare tutto da capo.

E la più gran delusione?

Mi dispiace ma non ne ho, perché in genere mi propongo delle cose raggiungibili, siccome la delusione fa male allo spirito e alla testa, non voglio avere delle delusioni per cui comincio piano, passo dopo passo e cerco di propormi cose raggiungibili e che mi diano soddisfazione.

Un suo sogno nel cassetto?

Cassetto di destra, di sinistra o quale (risata)?

Qualsiasi!

Io ho tanti sogni. Sogno a occhi aperti e da buon sagittario mando le frecce e poi cerco di correre per realizzare il mio sogno.