Gianni Nazzaro (cantante)        Roma 1.2.2004

                         Intervista di Gianfranco Gramola  

Rovinato dall'odio delle sue ex

 

Nato a Napoli il 27 ottobre del 1948, Gianni (Giovanni) Nazzaro inizia fin da giovanissimo esibendosi nei locali come intrattenitore ed incidendo, con lo pseudonimo di "Buddy", per la Phonotype Record, imitando con successo le voci di Bobby Solo, Adriano Celentano, Gianni Morandi e altri artisti in incisioni discografiche di secondo piano. Nel 1968 partecipa a "Un disco per l'estate" con il brano "Solo noi" pubblicato dall'etichetta Fans. In seguito viene scritturato dalla CGD e nel 1970 comincia ad affermarsi come interprete dalle ottime qualità canore, partecipando a Canzonissima con "In fondo all'anima", al Festival di Sanremo (in coppia con Marisa Sannia) con "L'amore è una colomba" ed al Festival di Napoli (in coppia con Peppino Di Capri) con "Me chiamme ammore", canzone vincitrice della manifestazione. Il grande successo discografico arriva con "Far l'amore con te" presentata all'edizione del 1971 di Canzonissima. Nello stesso anno partecipa al Festival di Sanremo (in coppia con Don Backy), proponendo "Bianchi cristalli sereni" che arriva in finale, incide il suo primo album pubblicato dalla CGD e partecipa al film "Ma che musica maestro". Nel 1972 torna al Festival di Sanremo con "Non voglio innamorarmi mai" e partecipa al Disco per l'estate dove trionfa con "Quanto è bella lei". Esce in questo periodo il suo secondo album intitolato "C'è un momento del giorno (in cui penso a te". Al Disco per l'estate è ancora presente nel 1973 con "Il suo primo sogno proibito", canzone 2° classificata, scritta da Claudio Mattone, e nel 1974 con "Questo si che è amore" che risulterà canzone vincitrice della manifestazione. Nello stesso anno arriva in finale al Festival di Sanremo con "A modo mio" composta da Claudio Baglioni. In seguito lo ritroviamo a Canzonissima con "Piccola mia piccola" scritta da Sandro Giacobbe, incide ancora un album con la CGD intitolato "C'era una volta il night" ed interpreta altri brani di successo: "Me ne vado", "La più bella del mondo", "Vino amaro", "Alleria". Nel 1983 torna al Festival di Sanremo con "Mi sono innamorato di mia moglie". Nel 1991 incide per la MASAR Edizioni Musicali due canzoni classiche napoletane, "Dicitencello vuie" e "Nuttata 'e sentimento", arrangiate da "Il Giardino dei Semplici" che vengono inserite nella compilation "Napoli in frac" e nei supporti sonori allegati alla pubblicazione Le musiraccolte - "CantaNapoli", edita dalla MASAR dal 1990 al 1994 e distribuita attraverso le edicole. Negli ultimi tempi l'artista ha recitato nei musical "Hello Dolly" (con Loretta Goggi e Paolo Ferrari) e "Victor Victoria" (con Matilde Brandi e Paolo Ferrari) ed attualmente continua in tutta la penisola il suo impegno in serate e recital. E’ stato protagonista di due film musicali: “Ma che musica, Maestro” e “Venga a fare il soldato da noi”.

Ha detto:

- Mi ha rovinato la mia imbecillità, perché sono stata io a volere sia l’una che l’altra, quelle due iene alle quali ho dato tutti i miei soldi.

- Faccio pochissime serate e le mie due ex hanno pignorato gli ultimi incassi dei miei spettacoli. Pignora a destra, pignora a sinistra, gli operatori del settore mi lasciano perdere, perché sono scomodo.

- Io, rovinato dall’odio delle mie donne.

Curiosità

- E’ stato legato a Nada Ovcina, che gli ha dato due figli: Giovanni Junior, nato nel 1973 e Giorgia, nata nel 1976. Dopo la separazione, si è legato a Catherine Frank (vero nome Pleite Armonia Del Carmen), una ex indossatrice francese, che gli ha dato due figli: Davide e Mattia.

- La prima moglie, Nada Ovcina, oltre ad essere stata la sua compagna, gli ha fatto anche da manager, agente e ufficio stampa.

- E’ nato a Vico Storto Concordia, nel quartiere S. Ferdinando di Napoli.

- Uno dei figli, Mattia, è finito a Regina Coeli, sotto l’accusa di rapina a mano armata.

- Nel 2003 è stato condannato per violazione degli obblighi di assistenza familiare. In passato, il cantante era stato condannato per un’analoga vicenda.

Intervista

E’ al teatro Olimpico di Roma, dove sta interpretando il musical “Victor Victoria”.

Quando ti sei stabilito a Roma e come ricordi l’impatto?

Mi sono stabilito a Roma, da Napoli, verso gli anni ’70 e devo dire che ho avuto un impatto molto bello, molto favorevole perché ho avuto la fortuna di abitare da subito in una zona che ancora oggi è molto rinomata, molto ricercata, cioè via della Croce, angolo Piazza di Spagna e dopo un po’ di anni mi trasferii in via della Bolrm angolo piazza del Popolo, quindi vicino a due piazze bellissime di Roma, quindi più bel impatto di così. S’è trattato di una fortuna perché ho incontrato una persona che già aveva la possibilità di vivere in quelle zone straordinarie. Attualmente mi trovo in via del Casal Lumbroso, una traversina lì vicina.

Che rapporto hai con Roma?

Buono, con la città e con la gente. Con la cucina ancora meglio, perché la considero una delle migliori. Quella napoletana, fortunatamente, non mi manca, perché quando ne ho voglia, faccio un salto a Napoli, c’è mia madre che fa delle polpettine a volontà, ragù, ecc…

C’è un angolo di Roma che preferisci?

C’è n’é più di una. Mi piace molto l’Aventino o la passeggiata archeologica, mi piace anche il Tevere e castel Sant’Angelo. Anche Trastevere mi piace molto, con i suoi vicoletti, la vecchia Roma.

Cosa provi nel ritornare a Roma dopo una lunga assenza?

Diciamo che io ho vissuto a Roma per 34 anni e oltre al centro storico io ho apprezzato anche la campagna romana che è bellissima, perché ho abitato anche a Campagnano. Poi mi sono allontanato da Roma e sono stato 7 anni a Milano e adesso sono ritornato di nuovo a Roma per cui diciamo che i 7 anni a Milano non facciano molto testo. Però, a dire la verità, qualche cambiamento c’è stato, c’è più gente, ci sono più negozi, c’è più casino, c’è più di tutto e questo chiaramente mi fa vivere male la città però puoi recuperare, come facevo io, vivendola di notte, dove parecchi dormono e c’è meno gente in giro e si può viaggiare meglio.

I romani, pregi e difetti?

I pregi dei romani sono simili a quelli napoletani, cioè sono molto socievoli, quindi è facile instaurare un rapporto con loro, il rovescio della medaglia, che potrebbe essere un difetto, è che sono troppo facili all’amicizia e quindi spesso dietro si nasconde una delusione di un’amicizia che finisce troppo presto.

Le più grandi soddisfazioni nel campo artistico?

Devo dire la verità che nel mio lavoro ne ho avute parecchie ma la più grande e forse la più emozionante fu quando recitai in una commedia di Raffaele Viviani diretta dal figlio Vittorio e il figlio stesso mi fece sapere che ero uguale al padre, assomigliavo al padre come persona, come recitavo, ecc... Questa cosa mi gratificò moltissimo, l’essere paragonato, casualmente, al grande Raffaele Viviani che ha fatto la storia del teatro dialettale è stato per me una cosa emozionante.  

Delusioni?

A dire la verità non me ne ricordo e se ci sono state, me le sono scordate. (risata)

Com’è nata la passione, l’accostamento alla musica?

E’ nata in modo abbastanza naturale, nel senso che io facevo parte di una famiglia di artisti, in qualche modo. Mio padre faceva questo mestiere, mia madre lo accompagnava con la chitarra, mio fratello scrive canzoni e ha fatto molte collaborazioni. Mia sorella Annamaria, canta, ha una bella voce, ha fatto un disco con la RCA, Jolanda infine, sposata con un miliardario napoletano non ha problemi di sbarcare il lunario, ma però nel suo Dna c’è l’arte di scrivere delle bellissime poesie e quindi, in pratica, da una famiglia del genere non c’era altro da fare che prendere una via sola, quella dell’arte, dello spettacolo.

Ricordi il debutto?

Un primo debutto e anche un secondo debutto, perché io ho incominciato a fare l’imitatore dei miei colleghi cantanti. Questo è stato il primo debutto nella discografia e poi il secondo debutto è avvenuto quando ho deciso di smettere di imitare gli altri e cantare con la mia voce, quindi andai al Disco per l’Estate del ’68 e da lì cominciò la mia carriera.

La cosa più cattiva e che ti ha dato fastidio?

Ultimamente un critico, che io personalmente non ho molta considerazione del mondo della critica, tant’è vero che non leggo neanche gli articoli dei critici, me lo vengono a dire gli altri, questo critico, su questo lavoro che sto facendo a teatro: “Victor Victoria”, ha scritto “Nazzaro se la cava! (risata) Quando mi trovo davanti a queste tristi realtà che non corrispondono alla verità, ma veramente non corrispondono alla realtà, mi cadono le braccia (è una realtà talmente schiacciante) Tu ti trovi davanti a uno che scrive bianco e dice e sostiene che quello è nero e allora lì ci rimani male al momento, poi ci passi sopra.

Hai mai avuto un momento difficile?

Tantissimi, anche in questo momento per me è difficile.

In quei momenti chi ti è stato vicino e di conforto?

Diciamo che io sono un ottimo compagno di me stesso e ho saputo gestire quei momenti negativi. Comunque qualcuno vicino l’ho sempre avuto, un amico, un fratello, anche mia moglie, insomma chi c’era in quel momento. Ma penso comunque che queste problematiche vanno risolte da soli.

I tuoi idoli di ragazzo?

Ray Charles, Little Richard, James Brown, Elwis Presley, tutti americani.

Quando non lavori quali sono i tuoi hobby?

Guardo la televisione, non faccio collezioni, guardo tanta televisione.

Quali sono le tue ambizioni?

Rimanere in questa attività il più possibile e continuare questa linea di “Musical” e realizzare se è possibile un album di canzoni scritte da mio fratello che ritengo l’autore vivente più bravo che c’è.

Un tuo pregio e un tuo difetto?

Il mio pregio può essere un certo altruismo e il difetto forse il mio egoismo.

Il tuo tallone d’Achille?

Quando mi tirano i capelli, guai a chi mi tocca i capelli. Mi da fastidio.

Hai mai pensato di scrivere un libro biografico?

Si! L’ho pensato anche fortemente. Ho anche il titolo. “Il giudaco”. Se trovo la persona che mi sta a fianco 24 ore su 24, con molta pazienza scrive tutto quello che gli racconto e aspettare quando mi viene l’ispirazione, penso che ne verrà fuori qualcosa di buono.

Il tuo rapporto con la fede?

Ci credo. Praticante no, ma ci credo. Dico spesso le preghiere.

Quali sono le tue paure?

Ad esempio una paura può essere perdere un amore.  

Hai complessi?

No!

Con il successo sono cambiate le tue amicizie?

No! Assolutamente! Ho sempre le stesse amicizie!

Hai un sogno nel cassetto?

Realizzare le canzoni scritte da mio fratello.

A chi vorresti dire grazie?

A me stesso!