Giorgia Wurth (attrice e scrittrice)             Roma 1.2.2017

                               Intervista di Gianfranco Gramola

Un’attrice solare e una scrittrice bravissima. In questi giorni è al teatro Marconi di Roma nella commedia “100 m2” con Sandra Milo ed Emiliano Reggente. E’ in arrivo il suo terzo libro e ora sta girando la quarta serie di “Le tre rose di Eva”. “Roma? E’ una città divertente, anche se ha tantissimi problemi”

Giorgia Würth è nata a Genova il 5 giugno del 1979, ma all'età di 5 anni si trasferisce a Varazze con la famiglia. Cresce a Milano, si laurea in Scienze della comunicazione, quindi frequenta diversi stage e seminari in canto e recitazione, studiando teatro per 3 anni, e lavora anche come modella. Inizia la sua carriera nel 1998 come conduttrice sul canale televisivo satellitare Disney Channel. Dal 2003 ai primi mesi del 2008 è una delle signorine buonasera di Rai 3. Nel frattempo intraprende la carriera di attrice, scrive racconti e tiene un suo blog. Nel 2008 è protagonista del videoclip di Aprila, canzone di Biagio Antonacci. Nel 2009 appare su Rai 1 nella miniserie tv "Il bene e il male"e successivamente nella sesta stagione di Un medico in famiglia; inoltre è tra le protagoniste di Ex, film di Fausto Brizzi, uscito nelle sale cinematografiche nel mese di febbraio. Interpreta anche il ruolo di "Ilona Staller" nella miniserie tv Moana, regia di Alfredo Peyretti, in onda su SKY Cinema 1. A gennaio 2010 esce in libreria il suo esordio letterario, il romanzo Tutta da rifare, pubblicato da Fazi Editore, con cui vince il premio Afrodite 2010 e il premio Falerno Primo Romanzo 2010. Nel 2011 è nel cast del film di Ezio Greggio Box Office 3D - Il film dei film. È nel cast dei film di Fausto Brizzi, Maschi contro femmine e Femmine contro maschi.  Nel 2012 conduce su Cielo l'edizione italiana di Voglio vivere così. Dallo stesso anno è uno dei protagonisti della fiction di Canale 5 Le tre rose di Eva, interpretando Tessa Taviani.

Teatro

Le parole dell’angelo (2003) - Antigone (2004) - Cecità (2005) – Hipocrites (2006) - Un marziano a Roma (2006) - La donna che ha partorito nel cielo, ritornerà (2007) – La festa (2011) - 100m2 (2017)

Filmografia

Viaggio in Italia - Una favola vera  (2007) - Tagliare le parti in grigio (2007) - L'uomo privato (2007) - Noi due (2007) - Capitan Basilico (2008) - Sleepless (2009) - Ex (2009) - Cacao (2010) - Sinestesia (2010) - Maschi contro femmine (2010) - Femmine contro maschi (2011) - 5 (Cinque) (2011) - Oggetti smarriti (2011) - Box Office 3D - Il film dei film (2011) - Capitan Basilico 2 (2011) - Com'è bello far l'amore (2012) - The President's Staff (2013).

Televisione

Senti chi pensa (2007) - Un posto al sole (2008-2009) - Il bene e il male (2009) - Un medico in famiglia 6  (2009) - Moana (2009) - Ho sposato uno sbirro (2010) - Le tre rose di Eva (2012) - Un angelo all'inferno (2013) - Rocco Schiavone (2016) – Le tre rose di Eva (2017)

Cortometraggi 

Un bacio (2005) - Stare fuori (2005) - No Smoking Company (2006) - Sottopeso (2006) - Schiaffi (2008) - Afterville (2008) - Lui e l'altro (2010) - Viola (2010) - Insieme (2013) - Cuore sommerso (2014) - Tra le Nuvole con Woody Allen (2015)

Varietà  

Disney Channel (1998-2001) - Mediolanum Channel (2002) - Stadio Goal - Tele Nord (2001-2002) - Radio donna Italia (2003) - Rai 3 annunciatrice televisiva (2003-2008) - Circo Massimo Show (2007) - Il geco di città (2010) - C'è posto per te (Sky) (2011) - Voglio vivere così (2012)

Libri  

Giorgia Würth, Tutta da rifare, Roma (2010) - Giorgia Würth, L'accarezzatrice (2014)

Premi

Miglior attrice 2014 (Apulia Film Festival) - Miglior attrice commedia italiana (Foggia Film Festival 2013) - Premio Giffoni 2012 - Premio Magna Grecia 2012 Miglior Attrice - Nomination come Migliore Attrice ai Quartz Svizzeri 2010 per “Sinestesia” - Premio Afrodite Miglior Romanzo per “Tutta da rifare” - Premio Falerno Miglior Romanzo d’esordio per “Tutta da rifare” - Nastro d’argento 2009 per “EX” - Attrice Rivelazione 2009 al Festival del Cinema di Salerno        

Ha detto:

- Ho speso cinque anni per realizzare il libro “L’accarezzatrice”, di cui tre facendo ricerca, quindi oggi sono arrivata a un punto che credo di sapere come l’argomento debba essere trattato.

- Sono appassionata di politica e oggi il mio sogno è quello di condurre un programma di approfondimento politico rivolto ai giovani.

- La scrittura per me è molto importante, è la mia valvola di sfogo. Scrivo da quando ero bambina, ho scritto racconti, poi ho il mio blog, ma sono sempre stata poco costante, non ho mai avuto la coerenza di andare fino in fondo in un progetto più lungo. Così mi sono imposta di finire qualcosa, mi sono messa d’impegno scrivendo una storia che mi sarebbe piaciuto leggere. Così è nato il mio primo libro “Tutta da rifare”.

Fare l’attrice è un lavoro bellissimo, ma lo trovo piuttosto limitante. Non mi dà pieno appagamento. Nel tempo ho imparato ad aver bisogno di cose nuove, come la scrittura per esempio, di cui non devo rendere conto a nessuno, se non chiaramente al lettore.

Intervista

Mi racconti il tuo ruolo nella commedia teatrale “100m2”?

E’ la storia di uno scontro e poi dell’incontro di due donne, una anziana e una più  giovane che vuole comprarsi un appartamento. Lo compra in nuda proprietà, quindi compra l’appartamento da questa donna confidando nel fatto che prima o poi morirà. Invece non solo non muore, ma è molto più vispa di lei. Quindi queste due donne si scontrano, ma poi fra loro si crea un rapporto veramente bello e intenso, perché si ritroveranno ad essere due donne sole, per motivi diversi,  e da questo incontro nascono  delle situazioni comiche e divertenti. Sono due donne molto differenti, perché il mio personaggio, che si chiama Sara,  è una che non rischia, che vuole programmare e progettare tutto nella vita, mentre  Dora, interpretata da Sandra Milo, è una che cerca di far capire alla giovane che nella vita non si può programmare, che la vita è adesso, ora. Quindi la osmosi di due caratteri, due personalità molto diverse che si influenzeranno a vicenda. 

Da molti anni lavoro nel mondo del cinema, dello spettacolo. I tuoi genitori che futuro speravano per te?

Noi siamo tre fratelli e mia madre ha sempre sognato che almeno uno facesse il medico, come lei. Purtroppo nessuno ha seguito le sue orme. Devo dire che i miei genitori mi hanno lasciata molto libera, mi hanno sempre assecondata. Io ho studiato, mi sono laureata con il massimo dei voti, per cui  loro erano contenti. Loro mi hanno  sempre lasciata fare, l’importante è che io sia felice.

Preferisci il ruolo comico o il drammatico?

Sentire gente che ride per qualcosa che hai fatto, non ha prezzo. Diciamo che sono più rari i ruoli comici per le donne.  Io credo di avere una certa comicità, però spesso mi fanno fare ruoli drammatici.

La recitazione è più istinto o mestiere?

Questa è una domanda difficile. A questa domanda credo che ogni attore ti darà una risposta diversa. Io credo che ci voglia il mestiere per poi lasciare andare l’istinto. Meglio studiare per capire un po’ varie tecniche e poi andare d’istinto. Questo vale   soprattutto per il teatro, poiché  è diverso recitare davanti ad una telecamera  o recitare a teatro. Ossia prima di trasgredire le regole è meglio conoscerle. Poi ci sono casi di persone che non hanno mai studiato, dei casi di grandissimo talento puro.

Sei attrice, conduttrice e scrittrice. In quale di questi lavori ti esprimi meglio?

Secondo me nella scrittura, perché non ho condizionamenti, non ho censure e non ho limiti. Quindi sono veramente libera e questo è anche il motivo per cui ci metto sempre tanto per scrivere un libro. Me la prendo con comodo.

Hai mai fatto delle scelte di cui ti sei pentita?

Nella mia carriera penso di aver fatto anche delle cose non proprio belle, ho fatto dei film e delle fiction brutte, però non sono pentita. Se le ho fatte ci sarà un motivo. Comunque io cerco sempre di dare il massimo nel lavoro, a prescindere da quello che faccio, poi guardando il film o la fiction in tv mi accorgo che non mi piaceva. Sai  Gianfranco, non sono un chirurgo che salva le vite e quindi posso permettermi un errore, però non posso perdonarmi di non dare il massimo ogni volta. A prescindere dal prodotto che hai,io devo recitare come se fosse un film da oscar.

Dopo la tournée teatrale hai qualche progetto?

Adesso sto girando la quarta serie di “Le tre rose di Eva”, che uscirà credo dopo l’estate. Ho appena terminato il mio terzo romanzo.

Qual è il titolo?

Non c’è ancora il titolo. Per gli altri due libri il titolo è sempre stata la prima cosa, cioè avevo in mente il titolo ancora prima di scrivere il libro. Invece per questo romanzo ho qualche idea però niente di definitivo. Decidiamo alla fine con l’editore. Non posso dire niente, però sono molto contenta e soddisfatta di questo libro.

Parliamo un po’ di Roma, Giorgia. Com’è il tuo rapporto con la Città Eterna?

L’impatto con Roma è stato un trauma. Sono arrivata a Roma nel 2003. Fai conto che io sono ligure per metà e per l’altra metà sono svizzera, quindi io sono stata cresciuta con un grande rigore per la puntualità, per il rispetto per l’ambiente e quindi immaginati quando sono venuta a Roma. I romani sono sempre in ritardo, la città è molto sporca, c’è una mancanza di rispetto per una città che è la più bella del mondo. Quindi all’inizio è stato traumatico, poi dopo entri nella quotidianità e ti adegui. Però Roma è talmente bella che le perdoni tutto. Ma ha tante cose che deve farsi perdonare ed è una città che vive di rendita, grazie a quello che hanno fatto gli antichi romani. Vedere come viene trattata Roma ai giorni nostri dico che è una vergogna. Io sono una che se vedo qualcuno che getta per terra uno scontrino o un pacchetto vuoto delle sigarette, lo fermo e gli dico: “Adesso lo raccogli”. Dobbiamo imparare a trattare la nostra città, la nostra terra come se fosse il salotto di casa nostra. Ora mi sono adattata, però ogni tanto non la sopporto e scappo. Io sono stata due anni in Svizzera e sono tornata da poco a Roma, perché non ce la facevo più, però quando sono lontana mi manca da morire e ci devo tornare.

Cosa ti manca esattamente di Roma?

Mi manca il clima, il cibo, la bellezza. Io  sono una che gira tutta Roma in bicicletta o con i mezzi pubblici. Sono anche una grande camminatrice e camminando per la città trovo bellezza ovunque. Qui c’è tanta storia, si vive in mezzo alla storia. Qui si mangia benissimo, c’è un clima meraviglioso se non unico. Roma è anche una città comica, voglio dire che qui si ride molto. I romani hanno questo modo di parlare e di rapportarsi che li rendono simpatici.  Roma è veramente una città divertente, una città che ti mette di buonumore. Purtroppo Roma ha dei grandissimi problemi.

Quali sono state le tue abitazioni romane?

Ho cambiato un sacco di posti. All’inizio ho vissuto in zona Ottaviano, nel quartiere Prati. Poi mi sono spostata a via delle Fornaci, zona San Pietro. Dal bagno di quell’appartamento vedevo papa Giovanni Paolo II (Wojtyla) quando si affacciava dalla finestra. Adesso vivo in zona Esquilino, un quartiere multietnico che adoro.

A parte le zone che hai citato, c’è un angolo di Roma a cui sei molto legata?

Diciamo che io ogni tanto sento il bisogno di respirare l’aria del mare. Uno dei vantaggi di Roma è che ha il mare a pochi minuti di macchina. Quindi quando posso, scappo e vado a Ostia, anche d’inverno. Per quanto riguarda la città, amo molto la zona del Colosseo e via dei Fori Imperiali. Anche San Lorenzo e l’Aventino sono  posti che mi piacciono molto. Dirne uno solo è impossibile. Anche l’Eur mi piace molto, perché c’è tanto verde ed è un posto tranquillo.