Laura Luongo (modella e fotomodella)      Roma 25.10.2012

                                 Intervista di Gianfranco Gramola

Una bella modella e fotomodella romana, che ha calcato le passerelle dei più noti stilisti e vinto tanti concorsi di bellezza. Ha un sogno: le piacerebbe poter fare un giro con la barca intorno al mondo.

Per contattare Laura, la sua e-mail è: luongo_laura@virgilio.it  

Studi:

Diploma di liceo classico, laurea in economia, conseguimento di diverse specializzazioni e master post laurea sempre nel settore economico, ottima conoscenza sia parlata che scritta del francese, dell’inglese e dello spagnolo.

Occupazione:

Manager aziendale, analista di bilancio e consulente economico e finanziario.

Esperienze lavorative:

Modella e fotomodella professionista, ha partecipato a varie sfilate per importanti stilisti come: Maria Maiani - Gattinoni alta moda - Lorenzo Riva - Renato Balestra Haute Couture - Primadonna Collection - Ermanno Scervino - Moschino - Elisabetta Franchi - Dolce e Gabbana - Peter Lagner spose - Alviero Martini - Roccobarocco - Sandro Ferrone - Emporio Armani jeans - Just Cavalli - Krizia - Fausto Sarli - Laura Biagiotti - La Wella - La L’oreal Paris. 

Concorsi di bellezza vinti:

“Miss Italia” selezioni provinciali e regionali Lazio

“Miss moda”

“Miss fotogenia”

“Miss più bella d’Europa”

“Miss fotomodella Wella”

“Miss bellissima”

“Miss cinema”

“La modella più bella dell’Universo”

“Miss Lazio fotogenia”

“Miss ragazza Vogue”

“Miss modella della Capitale” e molti altri.

Pubblicità e film:

Laura è stata selezionata dall’agenzia “Moviematic” per il ruolo da coprotagonista nella pubblicità della “Kinder”.

Ha avuto un ruolo principale nella pubblicità della “Smart for two” grazie all’agenzia “Cinemaservice” che l’ha selezionata per questa prestigiosa opportunità.

L’agenzia “Scarduffa” di Roberto Scarduffa l’ha scelta per il ruolo di attrice drammatica nella fiction “Il peccato e la vergogna parte prima” con Gabriel Garko, Manuela Arcuri, Giuliana De Sio, per la regia di Luigi Parisi.

Sempre per l’agenzia di Roberto Scarduffa ha recitato nella fiction “L’onore e il rispetto” di nuovo al fianco di Gabriel Garko con la partecipazione straordinaria di Virna Lisi, Cosima Coppola e Alessandra Martines, per la regia di Salvatore Samperi. 

Apparizioni televisive:

Ha partecipato al programma di Catena Fiorello “Reazione a catena” su Raidue in dodici puntate.

Modella-opinionista presso il programma “Domenica in” di Massimo Giletti, in onda la domenica su Raiuno per un’intera stagione televisiva.

Modella-opinionista presso “Iniziamo a parlare di moda” trasmesso su Raiuno in prima serata, per la durata di otto puntate. 

Servizi fotografici:

Ha partecipato a numerosissimi shooting fotografici sia a Roma che a Milano, con noti fotografi nazionali come ad esempio: Mario Francesi, Attilio Spera, Maurizio Locasti, Roberto Hernandez…e molti altri ancora. Ha vinto il concorso fotografico prodotto da Oliviero Toscani intitolato: "Tu top model" con più di ottocento modelle in gara provenienti da tutta Italia.

Laura è stata fotografata per diversi cataloghi moda come: Coconuda, Guess, Fornarina, Miss Sixty, Blumarine, Pierre Cardin, Lacoste e Krizia.

Magazine, copertine ed interviste:

Ha posato due volte per la rivista internazionale “Gp Magazine”, in entrambe le apparizioni all’intervista di due pagine è stato allegato un servizio fotografico girato in “esterna”. Il mensile ”Beauty & Style” le ha dedicato quattro pagine di intervista.

Il settimanale “Glamour Lifestyle” le ha regalato cinque pagine, con un meraviglioso shooting fotografico dove indossava abiti d’epoca. Altre interviste allegate a fascinosi servizi fotografici sono state pubblicate da: “About me”, “Model”, “Girls”, “Icon”, “Revolution”. E’ stata la ragazza copertina sia per “Glam” che per “Teen Magazine”.

Il quotidiano “La prima pagina” le ha dedicato un articolo intitolato: “Laura Luongo la modella della Capitale”. Ha avuto l’onore di ricevere un’intervista che ha avuto più di quaranta passaggi televisivi sia su Gold tv che su Tele A, come prima classificata nazionale del concorso: “Miss modella della Capitale”; più di quattrocento erano le ragazze in gara provenienti da tutta Italia, l’intervista è stata realizzata da una famosa giornalista del Messaggero di Roma ed è visibile anche su youtube.

Hobby:

Adora sfilare e partecipare ad importanti concorsi di bellezza, fare servizi fotografici e posare per cataloghi e shooting fotografici.

Laura é appassionata di musica classica, le piace ascoltare Mozart, Beethoven e Chopin, ama viaggiare e fare tanto shopping. Nel tempo libero si dedica alla lettura dei grandi classici come Socrate, Euripide, Aristotele e dulcis in fundo ama molto la filosofia che ha continuato a studiare anche dopo il liceo. Il suo libro preferito é “La critica della ragion pura” di Immanuel Kant.

Intervista:

Com’è nata la tua passione per il mondo dello spettacolo e della moda?

E’ nata da quando ero piccolissima, sin da bambina, sognavo di calcare le passerelle dei più noti stilisti, vincere concorsi di bellezza e diventare testimonial di famosi brand di abbigliamento.

Come ricordi il tuo debutto?

Ricordo con gioia la prima volta che sono salita su una passerella, ero visibilmente emozionata ed agitata.

Quali sono gli ingredienti per diventare una brava fotomodella?

Ci vuole tanta forza di volontà, umiltà e spirito di sacrificio.

Il mondo della moda era come te lo immaginavi o ti ha deluso?

No, non mi ha deluso, era esattamente come lo sognavo.

Qual'è stato l’incontro che ti ha cambiato la vita?

Essere scelta da note agenzie di moda a livello nazionale, è stato un incontro vincente, in quanto mi ha permesso di studiare portamento, posa fotografica, presentazione televisiva, recitazione, dizione e di avviarmi quindi in questo settore.

Qual'è stata la tua più grande soddisfazione nel campo artistico?

Aver vinto come prima classificata nazionale molti concorsi di bellezza.

Quali sono le tue ambizioni?

Raggiungere traguardi sempre più importanti nel mio lavoro quotidiano di manager aziendale, senza dimenticare nel week-end di sviluppare la mia passione artistica.

Hai mai rifiutato di fare dei lavori in questo settore?

Si, mi è capitato spesso di rifiutare shooting fotografici che non ritenevo idonei alla mia persona.

La cultura è importante per arrivare nella vita?

Assolutamente si, plasma la forma mentis dell’individuo e permette di poter impostare un futuro. Purtroppo il mondo della moda è un settore molto precario dal punto di vista lavorativo, è per questo che, dopo essermi diplomata al liceo classico, mi sono laureata in economia e anche dopo la laurea ho continuato ad aggiungere al mio curriculum vitae diverse specializzazioni e master che mi hanno consentito di svolgere il mio lavoro attuale, che per inciso mi sta dando grosse soddisfazioni.

La popolarità crea più vantaggi o più fastidi?

Direi più vantaggi.

Hai mai fatto delle scelte di cui dopo ti sei pentita?

No, ogni scelta che ho fatto nella mia vita è stata pensata e calibrata a dovere.

Prima di salire in passerella, hai un rito scaramantico?

No, non ho nessun rito scaramantico, in compenso cerco di mantenere alta la concentrazione.

Una sfilata che ricordi con molto piacere?

La sfilata che più di tutti porterò nel cuore è stata quella di Gattinoni, dove indossavo dei meravigliosi abiti da principessa. Un’altra sfilata che ricordo con piacere è stata quella di Peter Lagner dove indossavo dei bellissimi abiti da sposa.

Uno stilista che ami molto?

Senza dubbio Roberto Cavalli.

Hai vinto molti premi, a quale sei più legata?

Il più importante è stato sicuramente: “Miss modella della Capitale” con più di quattrocento ragazze in gara provenienti da tutta Italia; le selezioni si sono susseguite per diverse settimane, quando mi hanno incoronata come prima classificata nazionale ero visibilmente emozionata. Un altro concorso, a cui tengo particolarmente e che ho vinto sempre come prima classificata nazionale, è quello del maestro Oliviero Toscani intitolato: “Tu top model”; è stata un’esperienza unica ed indimenticabile, tuttavia non posso non citare anche “Miss Italia”, è stata un’esperienza bellissima, che mi ha dato grosse soddisfazioni.

Hai mai dedicato un tuo premio a qualcuno?

Si, tutte le innumerevoli volte che ho vinto un concorso di bellezza ho dedicato quel momento ad una persona in particolare: me stessa.

Hai un sogno nel cassetto?

Mi ritengo una ragazza molto fortunata, perché alla mia giovane età ho alle spalle un brillante percorso universitario, un prestigioso lavoro e sono riuscita a levarmi molte soddisfazioni nel mondo dello spettacolo; tuttavia una cosa che non sono riuscita ancora a realizzare c’è: mi piacerebbe tanto poter fare un giro con la barca intorno al mondo, ma per l’appunto è giusto un sogno, un’utopia.

Quali sono i tuoi progetti?

I miei progetti sono di continuare ad impegnarmi nel mio lavoro manageriale e nel week-end mi piacerebbe proseguire a soddisfare la mia passione artistica.

Qual'è il tuo motto?

Tutti per uno, uno per tutti.

Fai beneficenza o volontariato?

Si faccio beneficenza, aiuto un’associazione che persegue finalità umanitarie in Africa; credo sia importante aiutare chi è stato meno fortunato di noi.

Cosa non sopporti?

Non sopporto l’ipocrisia, la falsità e la cattiveria.

Il complimento più bello che hai ricevuto?

Quello che mi ha rivolto un noto giornalista di fama nazionale in un suo articolo: “Laura Luongo top model con la passione per i numeri”.

Che rapporto hai con la Fede?

Sono molto credente.

Un tuo pregio e un tuo difetto?

Un mio pregio è sicuramente l’ironia, un difetto l’impazienza.

Sei nata a Roma? Che rapporto hai con la tua città?

Si, sono nata nella Capitale e credo sia la città più bella del mondo.

Tradiresti Roma per andare a vivere in un’altra città?

No, mai e poi mai.

C’è un angolino che ami particolarmente? Se si, perché?

Si, piazza di Spagna, la trovo molto romantica.

Come trovi i romani? (pregi e difetti)

Li reputo cordiali, simpatici e decisamente disponibili, non ritengo che abbiano particolari difetti.

Cosa ti da fastidio di Roma?

Una cosa che non sopporto di questa bella città è il traffico.

Un consiglio al sindaco Alemanno?

Gli suggerirei di curare di più la viabilità della Capitale.