Patty Pravo (cantante)                Roma 23.04.2014

                                        Intervista di Gianfranco Gramola

Una donna splendida, trasgressiva, ironica, intelligente e piena di fascino e soprattutto soddisfatta del suo percorso artistico. Un mito vivente che neanche il tempo riesce a scalfire. “Il segreto della mia eterna giovinezza? I miei genitori mi hanno fatto bene”.

Per contattare Patty Pravo, la sua manager è Rossella Martini pressoffice.rossella@gmail.com

(Breve biografia tratta dal web)

Nicoletta Strabelli, in arte Patty Pravo, è nata a Venezia il 9 aprile del 1948, in una famiglia dell'alta borghesia. Suo padre è Aldo e la mamma Bruna Caporin. Patty Pravo è considerata l'artista simbolo degli anni Sessanta e Settanta, ed è diventata famosa come la ragazza del Piper, dal nome del locale che la lancia nel 1966.
Dal primo successo Ragazzo triste, prima canzone pop ad essere trasmessa da Radio Vaticana, parte la sua scalata verso la piena affermazione come cantante, che matura nel 1968 con il 45 giri La bambola.
Con le sue canzoni e lo stile anticonformista diviene un'icona della generazione sessantottina e dell'emancipazione femminile. Più volte premiata dalla critica a Sanremo, nel 1973 sforna l'ennesimo capolavoro con Pazza idea, che schizza in testa alla classifica con oltre un milione di copie.
Prima cantante ad esibirsi in Cina nel 1994, tre anni più tardi torna sotto i riflettori dell'Ariston con il romantico brano ...E dimmi che non vuoi morire, scritto per lei da Vasco Rossi e Gaetano Curreri, che oltre al terzo premio della Critica le fa conquistare il doppio disco di platino (300mila copie vendute). Gli anni Duemila le regalano, tra gli altri, un "Premio alla carriera" nel 2003 e il Nastro d'argento per l'interpretazione del brano Sogno nel 2010. In uscita nel 2014 il suo 30° album.
 

Ha detto:

- Se credo in Dio? Come non potrei? Il mio non è un mestiere, è una grazia. Magari non credi nei preti, nei riti e neanche in una religione in particolare. Ma spesso mi dico:”Dio, ti ringrazio per la voce che mi hai dato”.

- Il carcere è stata un’esperienza serena e positiva. Incontri persone con storie  incredibili e capisci che i veri farabutti non stanno dentro.

- Non fumo e rompo le scatole a chi fuma. Mi concedo solo una Marlboro rossa alle cinque del pomeriggio. E’ il mio te.

- Non voglio essere una grande star del passato che si ritira e apre un ristorante.

Curiosità

- Con 110 milioni di dischi venduti in carriera, è la seconda artista donna con le maggiori vendite, dopo Mina, e il terzo artista italiano con il maggior riscontro commerciale.

- È stata la prima cantante italiana ad esibirsi in Cina, nel 1994.

- Il singolo ''La bambola '' ha venduto da solo, nelle sue multiple versioni, 40 milioni di copie.

- La sua “Pensiero Stupendo” è stata utilizzata nella pubblicità televisiva degli orologi  BREIL (con Charlize Theron).

Intervista

Sei una cantante famosa ed acclamata. Chi ti ha trasmesso la passione per il canto?

Non ho avuto mai la passione per il canto, prima di iniziare a cantare, pensavo che il mio futuro sarebbe stata la direzione d'orchestra.

Chi per primo ti ha incoraggiato e ha capito il tuo talento?

Alberico Crocetta è stato il primo nel settore dello spettacolo, ma già al Conservatorio i Maestri avevano scoperto il mio talento! E nonna ... che fin da piccola mi ha fatto studiare.

Com’è nata la scelta del tuo nome d’arte Patty Pravo (e prima Guy Magenta)?

Patty Pravo è nato al Piper... Pravo dalle anime prave di Dante (studiavo dantismo al Conservatorio con il professor Chiarini e mi ero appassionata alla prima cantica “l’inferno”) e Patty perché si legava bene ed era il nome del momento.

Qual è stato l’incontro che ti ha cambiato la vita?

Quello con Crocetta al Piper.

Qual è stata la tua più gran soddisfazione nel campo artistico? E delusione?

Ne ho avute tante di soddisfazioni, per ridurle ad una. Spero il prossimo disco. Delusioni? Le rimuovo.

Il mondo della canzone è così dorato come viene descritto? 

No, assolutamente.

A quale canzone sei più legata e perché?

Anche in questo caso, è difficile dire a quale canzone sono più legata! Ne ho incise tante in 48 anni di carriera, e se fosse solo una sarebbe preoccupante...

Qual è il segreto del tuo successo? (Cosa hai sacrificato per arrivare al successo)

Il successo non l'ho mai rincorso è arrivato, e quindi non ho sacrificato niente! Però quando ho fatto delle pause ... come ad esempio negli anni Ottanta, è accaduto perché avevo scelto di vivere!

E il segreto della tua eterna giovinezza? (cibo, attività fisica, ecc…)

I miei genitori mi hanno fatto bene! Per il resto faccio danza tre volte alla settimana!

Vedi in giro nel campo musicale un tuo erede artistico?

Spero che non ci sia un erede artistico, ma per l'erede! Non sarebbe carino essere la copia di qualcuno.

Sei molto amica di Gianni Morandi?

Con Gianni ho un ottimo rapporto, è una persona deliziosa e un grande professionista, ma non abbiamo un rapporto di amicizia. Gli amici si contano sulle dita di una mano, forse...

E’ vero che hai duettato con Frank Sinatra?

No! Non ho mai duettato con Frank Sinatra.

Qual è il tuo motto?

Non ho motti.

Tre giorni di Rebibbia. Come li hai vissuti?

Con serenità perché consapevole della mia innocenza.

Ho letto che hai una passione per papa Woytila. Come lo ricordi?

Un grande! Non l'ho conosciuto personalmente e mi dispiace...

Il complimento più bello che hai ricevuto?

Sono tanti e tutti belli.

La cosa più cattiva che hanno detto o scritto su di te?

Tutto fa brodo ... Anche quello che si sono inventati!

Che rapporto hai con la Fede?

A fasi alterne.

Hai vinto un sacco di premi. Li hai dedicati a qualcuno in particolare?

Non ho mai dedicato un Premio a qualcuno e soprattutto non li ho tenuti in casa. Preferisco il futuro.

Hai fatto concerti o esibizioni per solidarietà?

Spesso. In questo periodo sostengo Emergency attraverso la vendita di alcuni miei abiti di scena.